Arredamento shabby, la boiserie bianca

di Valentina Cervelli Commenta

Uno degli elementi basilari per creare un arredamento shabby, o disordinato elegante, è la boiserie bianca. Si tratta di qualcosa di perfetto per chi vuole rendere la propria abitazione ricercata e con stile sia nel classico dei modi sia in quello che sta diventando di tendenza in questi ultimi tempi, ovvero l’effetto finto trasandato.

Quando si parla di boiserie si parla di pannelli di legno intarsiati o decorati applicati alle pareti come elemento decorativo: esse erano molto diffuse sul territorio francese nel XVII e XVIII secolo ed erano considerate uno status quo basti immaginare che la stessa Reggia di Versailles ne ha tuttora numerose. Esse sono tornate di gran moda da qualche anno grazie alla capacità di dare calore ed eleganza. E per l’appunto quella di colore bianco sta vivendo una nuova giovinezza grazie alla fissazione della popolazione con con l’arredamento shabby.

Va ammesso: è una delle soluzioni più semplici e di effetto per personalizzare le pareti di casa e non è difficile capire perché le stesse siano andate molto di moda nell’arredamento anni ’50. Ora la stessa viene rivisitata spesso in chiave moderna, non solo in contesti classici: la boiserie bianca, grazie allo stile shabby infatti sta vivendo una seconda vita in tutte le stanze dell’abitazione e non solo in quello che poteva essere un salone da impreziosire. Essa infatti si adatta perfettamente a corridoi ed ingressi, e può essere usata anche solo su una porzione di parete o di stanza per non sembrare eccessivamente “cafona” nel presentarsi come elemento di lusso. La boiserie può essere posta solo su metà della parete in altezza e lasciare che l’altra venga tinteggiata a piacere, sia tono su tono sia in contrasto.

Photo Credit | Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>