Terracotta nell’arredamento: come?

di Valentina Cervelli Commenta

Come inserire la terracotta nell’arredamento? E’ incredibile quello che si può fare con questo materiale se si ha la capacità di eseguire le scelte giuste in base alle esigenze logistiche che si hanno e alle indicazioni dello stile scelto per l’arredo.

La terracotta infatti è un materiale che può rivelarsi resistente e molto versatile, soprattutto quando impiegato per costruzioni come pavimenti: vera e propria base dell’abitazione è quasi superfluo dire quanto il cotto possa trovare spazio all’interno di un’abitazione, a prescindere dall’uso che si fa delle stanze della propria casa. Esso può essere a buon mercato quando semplice e non troppo rifinito o addirittura lavorato a mano prima dell’apposizione sul pavimento: in ogni caso l’effetto ottenibile riesce a rendere un’abitazione calda e vissuta senza il minimo sforzo e senza costringere a fare a meno di quell’aurea di dolce eleganza che il gres porcellanato ed in generale ogni pavimento in cotto hanno insiste nella loro stessa esistenza.

Terracotta nell’arredamento è anche e soprattutto però sinonimo di accessori, in particolare da parete: da questo punto di vista le possibilità sono praticamente immense: tegole, oggettistica, addirittura vasi rifiniti da interno. Senza dubbio non si tratta di elementi che è possibile inserire con facilità all’interno di un contesto di tipo moderno: al contrario nelle case in stile country e shabby chic la terracotta riesce ad attirare l’attenzione su punti focali della stanza rendendo il tutto più caldo ed accogliente.

Insomma, si parla di un materiale che rende possibile ottenere tanti differenti effetti, tutti privi di sbavature.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>