EXPO 2015, le caratteristiche del Padiglione del Regno Unito

di Gianni Puglisi Commenta

Il Padiglione del Regno Unito è stato presentato al Museo MAXII di Roma direttamente dal Principe Harry che ha presentato l’artista vincitore del concorso. Si tratta di Wolfang Buttress, autore del progetto Hive che ha conquistato la giuria grazie al design innovativo. 

Il Padiglione del Regno Unito si ispira all’attività delle api e quindi è stato progettato per far sì che i visitatori camminino attraverso un frutteto oppure su un prato di fiori selvatici naturali. Al centro della struttura c’è una sfera dorata in acciaio che ricrea un grande alveare. Tutto intorno il suono di una vera colonia di api.

“Il Padiglione inglese fonde design di alto livello e un forte orientamento ecologico  in armonia con le scoperte scientifiche più avanzate e le nuove tecnologie nel campo agricolo – ha spiegato il Commissario Corbett – Sarà un’esperienza straordinaria per il visitatore: sorprendente e divertente”.

Ad aggiudicarsi l’incarico da 6.000.000 di sterline per la realizzazione del progetto sono state le società britanniche Stage One e Rise, che hanno portato tutta la loro esperienza nell’edilizia e nella gestione di costruzioni creative.

L’abilità artistica inglese ispira da sempre tutto il mondo e Wolfgang Buttress ha avuto il merito di tradurre questa ispirazione in un’esperienza per l’EXPO 2015. Il progetto fonde il design di più alto livello con forti requisiti ecologici, che trovano origine nelle conquiste scientifiche più all’avanguardia, nelle agrotecnologie e nell’ingegneria agraria.

Il padiglione britannico, esteso su un lotto complessivo di 1910 metri quadri, vuole lasciare un segno nell’esperienza di tutti i visitatori di EXPO Milano 2015, in cui natura, creatività, scienza e tecnologia si combinano per affrontare la sfida globale “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>