Le nuove camerette per bambine di Doimo Cityline

di Sara Commenta

Romantiche ma moderne e declinate in tonalità delicate e luminose: ecco le nuove camerette per bambine di Doimo Cityline nate per ispirare le giovani donne di domani accogliendone i sogni e i progetti.

Le soluzioni di contenimento sono sempre intelligenti e interessanti in modo da offrire tanto spazio sfruttandone il minimo indispensabile. Così la cameretta rimane sempre ariosa e offre la possibilità di essere rivisitata in chiave personale.

La cameretta in foto si chiama CityDream #136 e nasce per dedicare a tutte le bambine una camera dallo stile ricercato, molto contemporaneo e profondamente funzionale ma con un tocco romantico e femminile e l’opportunità di personalizzarla a piacimento.

Il letto Montreal è dotato di anta push-pull che permette di sfruttare lo spazio sottostante per riporre scatole, accessori per lo sport, oggetti ingombranti o semplicemente i giocattoli. Gli elementi a sospensione, le mensole e le librerie della serie Argo mantengono in perfetto ordine l’angolo studio. È possibile personalizzarli scegliendo soluzioni a giorno e pensili con anta da alternare per creare movimento e armonia.

A protezione del muro ci sono i pannelli Foster che creano una piacevole boiserie lungo la parete e consentono anche di applicare numerosi accessori a muro senza bisogno di praticare fori. Nella soluzione in foto alla boiserie sono stati aggiunti i pensili Club che sostengono anche lo scrittoio allungabile.

La cameretta di base può essere poi modificata, personalizzata e reinventata a seconda di preferenze o esigenze di spazio. Le possibilità di personalizzazione riguardano i moduli componibili ma anche la scelta di accessori, come per esempio l’aggiunta di una sedie Dafne o di una scrivania con gambe Seven.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>