Pavimenti in resina, scelta moderna

di Valentina Cervelli Commenta

I pavimenti in resina rappresentano una scelta molto moderna per quel che riguarda la pavimentazione residenziale: una scelta in passato ritenuta inusuale ma che se ben pensata può aiutare ad ottenere degli effetti grandiosi colorati adattabili a diverse scelte stilistiche.

Come vengono creati

I pavimenti in resina sono creati utilizzando un mix liquido di resine organiche naturali e prodotti chimici specifici: questo consente di poter dare vita a soluzioni di semplice posa senza dover rimuovere il pavimento sottostante. Questo è possibile grazie allo spessore sottilissimo dello strato da posare che tra l’altro è in grado di rimuovere i segni delle fughe anche quando posato su piastrelle.

Non vi è bisogno di posa in opera dato che si tratta di un prodotto liquido che necessita di essere pressato per evitare le bolle di aria prima dell’asciugatura. E sebbene in commercio siano presenti molti kit fai da te per non si tratta di un procedimento semplice ed è consigliato per tal motivo avvalersi di specialisti del settore al fine di evitare disastri soprattutto in prossimità di battiscopa e negli angoli.

Cosa scegliere

Se si vuole realizzare un pavimento in resina nella propria abitazione è necessario eseguire una scelta ben precisa e quindi quella di privilegiare dei mix il più possibile naturali al fine di evitare, in situazioni estreme, che la stessa possa risultare cancerogena. In tal senso è importante sottolineare che una volta lavorata la resina è completamente atossica. Per ciò che concerne la pulizia questo tipo di pavimento, ideato per un contesto industriale, è uno dei più facili da pulire con i normali detergenti per la pulizia sebbene, a seconda della fantasia scelta, si potrebbe volere pulirli con un sapone specifico.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>