Nel bagno moderno torna di moda la vasca?

di Gianni Puglisi Commenta

Ognuno di noi sogna di avere un bagno dove trascorrere lunghi momenti di relax con il proprio partner, con i propri figli. Ognuno sogna di avere un bagno che regali l’atmosfera della SPA, ma si combatte troppo spesso con degli ambienti angusti.

Il bagno ideale è quello in cui oltre a lavarsi si riesce anche ad avere un po’ di relax. La tendenza moderna è interpretata in modo superbo da Splinter Works che realizza bagni di lusso in cui il principio di base è che siano le persone a scegliere il posizionamento dei propri elementi, siano loro a definire l’installazione dei sanitari. Vengono fuori soluzioni molto eleganti che richiamano l’essenzialità hi-tech e il fascino degli spazi molto ampi, proprio come le case di una volta.

In questi bagni moderni il pezzo forte torna ad essere la vasca che è sempre più sacrificata in nome dell’esiguità dello spazio dedicato alla toilette. Una vasca sicuramente molto bella è quella progettata da Giampaolo Benedini per il marchio Agape, una vasca che ha come obiettivo quello di rispettare il corpo, quindi ergonomica ma anche in grado di svincolarsi dall’appoggio al muro.

Insomma tornano di moda le vasche ma non sono più incassate. Il loro aspetto funzionale è messo in secondo piano dai dettagli estetici. Le forme e i materiali scelti per le vasche sono semplici e richiamano alla memoria le tinozze usate tra Ottocento e Novecento.

La vasca così concepita è naturalmente di dimensioni più contenute. Si pensi ad esempio alla vasca Morphing della Kos che è lunga soltanto 150 cm rispetto ai 180 classici. Ma se ci si trova a combattere con un ambiente bagno non eccessivamente grande, il rifugio classico è Ikea. L’azienda svedese ha come obiettivo quello di garantire il relax anche in un bagno piccolo, attraverso l’organizzazione precisa degli spazi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>