Il nero snellisce i corpi e rende eleganti gli spazi

di Gianni Puglisi Commenta

Se è vero che il nero ha la proprietà di snellire chi indossa abiti di questo colore, è anche vero che è il terrore di tanti designer che non sanno come relazionarsi con questa tonalità così forte e priva di luce. In realtà il nero va riscoperto come strumento per rendere gli ambienti più eleganti.

Gli ambienti total black sono eleganti. Il colore forte e intenso chiama alla memoria il buio e la situazione misteriosa ma non è detto che non possa essere considerato un elemento chic in grado di rinvigorire gli spazi. E poi, secondo moltissimi designer, il nero si può usare ovunque: camera da letto e soggiorno, bagno, mobili e decorazioni di ogni tipo.

Un altro effetto che ha l’uso del nero, è quello di rinforzare la scenografia domestica, proprio come su un palcoscenico, il nero offre una potenza drammaturgica all’ambiente. È chiaro che ba mescolato con altre tonalità per non essere troppo macabro ma anche il total black, se ragionato, ha il suo senso.

Un accorgimento che bisogna avere è all’uso del colore in questione in spazi che con la luminosità e l’ampiezza possano compensare il senso di buio e angustia offerti dal nero stesso. C’è anche chi consiglia il mix sapiente di tutti i colori neutri, dal nero al bianco fino al color legno, ma si sa che si perde l’efficacia del timbro cromatico. Molto meglio è insistere sulla bicromia, oppure sugli effetti di luce, oppure ancora su un colore acceso in grado di spezzare la monotonia.

Altre idee che ci mettono al riparo dall’organizzazione di uno spazio inospitale sono queste: di una stanza è meglio colorare non tutte ma soltanto una o due pareti dello stesso colore nero. Oppure sfruttare l’effetto lavagna mescolando così la funzionalità all’arredo della parete e conferendo un tocco sbarazzino alla stanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>