Decluttering e arredamento: imparare a buttare

di Valentina Cervelli Commenta

Arredare adeguatamente la propria casa passa anche per il decluttering: bisogna imparare a buttare ciò di cui non si necessita e, volendo, dare nuova vita a ciò che è possibile recuperare e ammodernare. Arredamento può essere anche sinonimo di questi piccoli trucchi.

E’ importante comprendere che non si può sempre tenere tutto ma che è necessario mantenere all’interno della propria casa, sia per ciò che riguarda gli oggetti che il mobilio, ciò che è davvero importante, utile e ha un significato molto forte. Più di tutto, quando si fa decluttering, bisogna muoversi su tutto ciò che è inutilizzato, partendo quindi da scatole di scarpe, riviste e giornali, medicinali e creme scadute, e tutte quelle cose che non hanno utilità pratica o che occupano troppo spazio senza essere davvero utili. A meno che non si posseggano collezioni specifiche, ed in quel caso va trovato loro posto, ciò che si ha in più deve essere eliminato velocemente.

E per ciò che riguarda i mobili è importante eliminare dall’abitazione, sempre che si sia intenzionati a fare un cambio di arredamento, tutto ciò che è rovinato e che non può essere modificato per essere aggiornato ad un ipotetico nuovo stile scelto. Non tutti i vecchi mobili possono diventare shabby chic al punto giusto e ogni tanto è necessario lasciare andare qualcosa che per quanto rappresenti un ricordo è inutilizzabile.

Un consiglio: soprattutto in camera da letto è bene conservare qualsiasi cosa si abbia in ferro battuto, materiale evergreen. Per il resto, via libera al nuovo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>