Il futon: cos’è e a cosa serve

di Gianni Puglisi Commenta

Il futon sta prendendo sempre più piede anche nel nostro paese: scelto non solo da chi è alla ricerca di un pizzico di Oriente ma anche da chi ama le cose naturali.

Il futon significa letteralmente “materasso arrotolato“; è naturale, inattaccabile dagli acari, particolarmente ergonomico, faicilmente trasportabile e traspirante. E, proprio grazie ai materiali di cui è composto riesce a mantenere il corpo fresco nei mesi estivi e caldo invece in quelli invernali e non esposto ai temibili agenti chimici.

Solitamente come supporto/base viene usato il tatami ossia la pavimentazione tradizionale giapponese; il tatami è realizzato con paglia di riso che prima viene intrecciata e poi pressata.

Come pulire un futon

Occorre arieggiarlo ogni tanto e, con un’aspirapolvere togliere la polvere; si possono anche usare dei coprifuton per garantire una maggiore igiene.

Il futon viene usato anche come base per eseguire dei massaggi.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>