Piano cottura ad induzione: perché sceglierlo?

di Valentina Cervelli Commenta

Il piano cottura ad induzione sta man mano entrando nelle case degli italiani non più come una novità ma come un elemento da scegliere come alternativa ai classici piani a gas. Scopriamo insieme perché questa scelta possa rivelarsi più intelligente di quel che si pensa.

Le ragioni alla base di questa scelta sono numerose e tutte valide. Partiamo da quella più evidente: la facilità di pulizia del piano. Senza le componenti metalliche e tanti piccoli elementi ai quali fare attenzione, pulire il piano di cottura è decisamente più facile. Non bisogna dimenticare anche la facilità di pulizia delle pentole: l’induzione scalda infatti solo il fondo della pentola riuscendo ad evitare la formazione di incrostazioni nel resto delle superfici. In questo modo basta semplicemente una spugnetta per pulire tutto. Ed incredibile, alcuni modelli possiedono una funzione di blocco comandi che consente, premendo un solo tasto di pulire il piano cottura ad induzione mentre si cucina.

Risparmio energetico

Il piano cottura ad induzione è quello fra tutti quelli disponibili sul mercato che consente di risparmiare energia e tempo grazie alle tipologia di calore che produce: disperdendone molto di meno è più conveniente di quello classico. Ed anche i tempi di utilizzo ne beneficiano e non poco: è possibile portare una pentola ad ebollizione con un litro di acqua in 3 minuti. Al pari di ciò che accade con le normali piastre a gas anche i piani cottura ad induzione sono disponibili in differenti modelli e grandezze per adattarsi a cucine di tipo differente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>