Ferro battuto in camera da letto: cosa scegliere

di Valentina Cervelli Commenta

Il ferro battuto in camera da letto è un materiale che può donare eleganza senza essere troppo pretenzioso: vediamo insieme come inserirlo e gestirlo all’interno di un vano così importante come quello nel quale si dorme e ci si rilassa.

 

 

La prima scelta da fare e quella più diretta allo stesso tempo è quella del letto in ferro battuto: non si deve incorrere nell’errore di pensare che sia una scelta anacronistica o troppo “antica”. Questo materiale infatti, oltre ad essere molto resistente è anche uno dei più nobili a livello estetico, facilmente modellabile e quindi personalizzabile. Essenzialmente quasi tutti i distributori di mobili offrono alla clientela diverse opzioni di questo genere, a prescindere dalla misura del letto: non solo, sono molti anche i colori resi disponibili. Scegliere un letto in ferro battuto significa dare alla propria stanza un aspetto romantico o austero a seconda delle decorazioni scelte per lo stesso e della foggia. E’ importante ricordare che la colorazione può essere variegata, sebbene siano più il bianco, il nero ed il bronzo a primeggiare.

Inserire il ferro battuto in camera da letto non passa solo per questo elemento: il materiale in questione è infatti perfetto anche per essere usato come parte del canonico mobilio di arredo, per mensole e soprattutto in unione con del legno. E’ incredibile quanto si possa guadagnare esteticamente inserendo sulle pareti delle mensole in ferro battuto e legno  dal colore caldo: un mix perfetto, soprattutto se si ama l’arte povera o lo stile classico/country. Da provare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>