Arredi 60, mobili inclinati che sfidano la gravità

di PieraLombardi Commenta

Sedie, tavoli, consolle sghembi, sfide all’equilibrio e alla stabilità. Si chiama Arredi 60 la collezione tutta obliqua disegnata dallo studio georgiano XYZ Integrated Architecture. Il nome della collezione è Arredi 60 proprio perché sono tutti pezzi inclinati di 60 gradi rispetto al suolo. Dimenticate pure convenzioni e concetti consueti di proporzione e stabilità. Dimenticate anche l’idea di funzionalità. Potrebbe essere tutto da ridere tentare di poggiare qualcosa su un tavolo, o sedersi su una sedia. Ma di certo vivrete un’esperienza ‘antigravitazionale’!

 

 

Arredi 60 XYZ Integrated Architecture

Sul sito dello studio dei designer georgiani che hanno realizzato la collezione, l’avvertenza preliminare spiega tutto:

Spesso dimentichiamo che la gravità è una delle maggiori sfide progettuali. La gravità è essenzialmente il tipo di ostacolo che non può essere aggirato, anche sulla luna. È questo senso di estrema sfida alla gravità che la serie 60 racchiude.

 

Console e chair Arredi '60

 

Sfida ironica e dissacratrice alla gravità, la serie è stata realizzata utilizzando materiali tradizionali quali legno, metallo, vernice e tecniche altrettanto tradizionali quali levigatura e saldatura. È la forma che spiazza e dà loro nuovo significato.

 

Red Chair Arredi 60

 

Con la loro inclinazione di 60 gradi rispetto alla superficie orizzontale, questi tavoli e sedie smentiscono l’uso che solitamente gli attribuiamo; forse smentiscono proprio qualsivoglia possibilità uso e in qualità di pezzi unici sono destinati più a gallerie che ad abitazioni.

A meno che non vogliate osare. Sono un gioco e una vertigine, manufatti sull’orlo della possibilità, e la forza di gravità forse li farà presto esplodere, collassare o cadere a pezzi. A voi la prova!

 

 

 

Fonte e foto xyz.com.ge

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>